(4) OVICAPRINO, V COMMISSIONE: I COMMENTI DI SANNA (CONFAGRI), CUALBU (COLDIRETTI) E ATZORI (LEGACOOP)

15 Luglio 2017 ore 08:00

(4) OVICAPRINO, V COMMISSIONE: I COMMENTI DI SANNA (CONFAGRI), CUALBU (COLDIRETTI) E ATZORI (LEGACOOP)

(CHB) - Cagliari, 13 lug 2017 - =E2?=9CUn provvedimento che sollecitavamo da tempo, la pastorizia ha subito un danno di circa 200 milioni di euro dal calo del prezzo del latte. Il sostegno al reddito e' vitale=E2?=9D. Lo ha detto ieri mattina in Commissione Attivita' produttive il presidente di Confagricoltura, Luca Sanna. Sulla stessa linea anche il presidente di Coldiretti, Battista Cualbu che ha auspicato tempi rapidi per l'erogazione delle risorse, mentre qualche perplessita' e' stata sollevata dal presidente di Legacoop Claudio Atzori: "Non e' un provvedimento che viene incontro alle esigenze dei trasformatori e non incide sul prezzo del latte =E2?" dice =E2?" =C3=A8 una risposta al mal di pancia dei produttori. Si cominci a vedere in quali settori le risorse stanziate hanno prodotto benefici, solo cosi potranno essere messi in campo interventi strutturali=E2?=9D.

LA MINORANZA. Contrari i consiglieri di minoranza Gigi Rubiu, Mariano Contu e Marco Tedde che hanno parlato di =E2?=9Celemosina offensiva=E2?=9D per le aziende agropastorali e chiesto di pensare invece a un intervento piu' corposo a sostegno del mondo delle campagne. "Questo e' solo un piccolo intervento per tamponare l'emergenza =E2?" replica Caria =E2?" cercheremo di trovare altre risorse nelle pieghe del bilancio da destinare al comparto agricolo=E2?=9D. Secondo l'assessore, inoltre =E2?=9Csono state accolte le proposte dell'Oilos - spiega - non e' questa una soluzione di carattere strutturale, siamo consapevoli che non risolveremo il problema del calo del prezzo del latte, ma in questo momento di emergenza 12 milioni di euro possono dare un piccolo sollievo alle aziende. Ogni pastore ricevera' circa 4 euro a capo dietro la presentazione di una certificazione delle produzioni di latte del 2016=E2?=9D. Il presidente della commissione, Luigi Lotto (Pd) ha confermato l'impegno della Commissione a esaminare in tempi rapidi il provvedimento, una volta approvato dalla Giunta, per poi sottoporlo all'attenzione dell'Aula.

SICCIT=C3?. Successivamente l'assessore Caria ha illustrato alla Commissione l'attivita' dell'esecutivo sul fronte delle calamita' naturali. "Ci sono tre partite aperte =E2?" spiega =E2?" per i danni delle nevicate la Sardegna e' stata inserita nel decreto per il terremoto e 76 comuni sardi potranno presentare domanda per il risarcimento. Sulle gelate, invece, si e' chiesta una deroga al decreto ministeriale 102 - continua - stiamo verificando l'ammontare dei danni, in seguito procederemo alla richiesta delle risorse=E2?=9D. Secondo Caria "Sulla siccita' e' stata presentata una richiesta per il riconoscimento dello stato di calamita' naturale per l'intera Isola. Il vero problema e' che il Fondo nazionale di solidarieta' , al quale fara' riferimento anche la Sardegna, ha una esigua dotazione finanziaria e attualmente sono disponibili solo 15 milioni di euro per tutta l=E2?=99Italia=E2?=9D.
=E2?=9CI soldi devono arrivare quanto prima ai pastori, le risorse erano poche allora e con l'emergenza siccita' sono sicuramente importanti=E2?=9D, ha detto Cosi Battista Cualbu al notiziario Chartabianca, al termine della riunione in V Commissione consiliare. "Abbiamo fatto una richiesta di unione politica a destra e sinistra, anche a livello nazionale, per verificare di rimpinguare i fondi di solidarieta' nazionale - aggiunge - le calamita' naturali come la siccita' stanno devastando gli agricoltori. Non pu=C3² essere una soluzione quella di abbattere del 50% i contributi Inps e posticipare le cambiali agrarie - conclude - ma c'e' necessita' di liquidita' e ristorare le aziende che non hanno prodotto in tutti i settori agricoli. Il tavolo resta aperto e alle parole devono corrispondere i fatti=E2?=9D.

ACQUA. Sempre in commissione l'assessore ha parlato della situazione degli invasi. "I bacini hanno ancora una discreta riserva d'acqua e le restrizioni per l'uso in agricoltura sono preventive =E2?" spiega =E2?" l'emergenza riguarda la Nurra e l'Iglesiente ed e' un problema ciclico al quale occorre porre rimedio con interventi strutturali". Caria conferma anche lo stanziamento di 50 milioni di euro per la messa a norma e riqualificazione di tutte le dighe sarde mentre ulteriori 30 milioni di euro, del Fondo Fsc, saranno destinati ai Consorzi di Bonifica. (CHARTABIANCA) mpig =C2© Riproduzione riservata agricoltura
Powered by:bizConsulting