SCARTI ORIGINE ANIMALE: IMPIANTI TRATTAMENTO E SMALTIMENTO, REGIONE PUBBLICA BANDO DA 3 MLN

13 Marzo 2018 ore 08:00

SCARTI ORIGINE ANIMALE: IMPIANTI TRATTAMENTO E SMALTIMENTO, REGIONE PUBBLICA BANDO DA 3 MLN

(CHB) - Cagliari, 09 mar 2018 - Tre milioni di euro per la realizzazione di impianti di trattamento degli scarti di origine animale (Soa). =C3=88 quanto prevede il bando pubblicato dall'assessorato regionale dell'Agricoltura che ha l'obiettivo di sostenere, con quote dal 40 al 70% a fondo perduto, le piccole e medie imprese nella messa in opera di strutture e nell'acquisizione di impianti per il trattamento degli scarti da macellazione e di origine animale cos=C3=AC da consentire alle aziende del comparto di poter operare sul mercato. Le domande di aiuto si potranno presentare dalle ore 10 del 6 aprile fino alle ore 24 del 15 maggio 2018. Secondo la Regione le risorse, provenienti dal Fondo di sviluppo e coesione (Fsc), "favoriranno la stabilizzazione del settore entrato in forte fibrillazione dopo la chiusura, seguita al sequestro disposto dalla Procura di Cagliari nel gennaio 2017, dell=E2?=99impianto di smaltimento della societa' Agrolip di Macchiareddu. A queste criticita' si aggiungono inoltre le limitazioni di carattere sanitario imposte alla Sardegna, per la presenza della Peste suina africana, che riducono notevolmente la possibilita' di poter trasportare fuori regione i Soa che non sono stati differenziati dagli scarti di provenienza suina".

CARIA: PROVVEDIMENTO ATTESO. =E2?=9CSi tratta di un provvedimento molto atteso dai tanti portatori di interesse coinvolti nel settore che, nel giro di pochi mesi, potra' permettere a tante nostre aziende di superare le criticita' del presente e guardare al futuro con maggior serenita' e concretezza=E2?=9D. Lo ha detto l'assessore dell'Agricoltura, Pier Luigi Caria che ha aggiunto: =E2?=9CIl bando appena pubblicato e' frutto di numerose interlocuzioni portate avanti con gli addetti ai lavori a cui e' seguita una puntuale elaborazione degli uffici della presidenza della Regione e dell'Assessorato=E2?=9D.

I BENEFICIARI. Possono partecipare al bando le Pmi della produzione agricola primaria, quelle attive nella trasformazione e nella commercializzazione di prodotti agricoli, oltre a quelle che operano nel trattamento e smaltimento dei rifiuti. Possono inoltre usufruire delle risorse messe a bando i Comuni, in forma singola o associata, e le Unioni di Comuni.

LE RISORSE. Il 40% della dotazione finanziaria =C3=A8 destinata a sostenere i progetti delle Pmi attive nella produzione, trasformazione o commercializzazione di prodotti agricoli. Il 60% dei 3milioni messi a bando sono invece dedicati alle Pmi operanti nel trattamento e smaltimento dei rifiuti e ai Comuni, in forma singola o associata, e alle Unioni di Comuni. Le piccole e medie imprese della produzione, trasformazione e commercializzazione potranno avere aiuti fino al 70% dell'importo dei costi ammissibili con una sovvenzione massima per ogni singola impresa che non potra' eccedere i 200mila euro. Lo stesso massimale e' applicato alle Pmi attive nel trattamento e smaltimento che invece del 70% a fondo perduto potranno godere del 40%. Per i Comuni, singoli o associati, e le Unioni di Comuni e le Societa' partecipate del Comune o delle Unioni la sovvenzione massima sale fino a 500mila euro con un aiuto sui costi ammissibili fissato entro il 70%. (CHARTABIANCA) red =C2© Riproduzione riservata imprese regione agricoltura sanita
Powered by:bizConsulting