AGRICOLTURA: MIPAAF avvia campagna assicurativa 2014.

3 Marzo 2014 in Politiche agricole

Al via la campagna assicurativa 2014 del ministero dell'Agricoltura per la copertura dei rischi da calamità naturale. Per le colture arboree da frutto e per l’uva da vino, nel piano assicurativo è stato stabilito il termine del 31 Marzo.

01 mar 2014 - 09:56AGRICOLTURA 1795 caratteri AGRICOLTURA, MIPAAF AVVIA CAMPAGNA ASSICURATIVA 2014; APPELLO MINISTRO (CHB) - Roma, 01 mar 2014 - Via alla campagna assicurativa 2014 del ministero dell'Agricoltura per la copertura dei rischi da calamità naturale. In particolare, per le colture arboree da frutto e per l’uva da vino, nel piano assicurativo è stato stabilito il termine del 31 marzo. Il ministero ha predisposto nei termini gli atti necessari, mettendo a disposizione del sistema tutti i dati e le informazioni utili per anticipare l’avvio della campagna assicurativa. “Ho voluto lanciare un appello - spiega il ministro Maurizio Martina - ai Consorzi di difesa, ai soggetti autorizzati ed alle compagnie di assicurazione, perché si rispettino i tempi previsti dal piano assicurativo. Richiamo tutti al senso di responsabilità, perché eventuali ritardi ingiustificati nell’avvio delle coperture assicurative metterebbero sicuramente in difficoltà le imprese agricole ed in particolare quelle più innovative, specializzate e con maggiori capitali investiti, che rappresentano una parte importante del Pil agroalimentare del nostro paese e del saldo commerciale con l’estero. Al più presto, proprio per scongiurare i rischi di un ritardo sui tempi previsti per l’avvio delle coperture assicurative, convocherò l’Ania, l’Associazione nazionale fra le imprese assicuratrici, in modo da fare il punto sulla situazione. Si tratta di un banco di prova significativo, visto che la regolarità e puntualità delle procedure diventa ancora più decisiva oggi. Siamo, infatti, alla vigilia dell’importante trasferimento dell’impianto assicurativo nell’ambito del nuovo programma sulla gestione delle crisi nello Sviluppo rurale, che per il periodo 2014-2020 potrà contare su circa 2 miliardi di euro di risorse”. (CHARTABIANCA) red

Powered by:bizConsulting