Consumo del suolo, Agrinsieme:"Tutelare il bene terra, in Italia si è costruito troppo e male"

25 Ottobre 2013 in Politiche agricole

In audizione presso le Comm. Agricoltura e Ambiente della Camera il pres. di Fedagri Mercuri, in rappresentanza di Agrinsieme, ha espresso condivisione per le iniziative legislative all’esame del Parlamento finalizzate a ridurre il consumo del suolo

“Oggi l’agricoltura e il cibo sono questioni strategiche che rivestono un ruolo centrale: la risorsa terra sta diventando sempre più scarsa e va quindi necessariamente tutelata, sul fronte ambientale, agricolo e idrogeologico. Condividiamo quindi pienamente le due iniziative legislative attualmente all’esame del Parlamento finalizzate a ridurre il consumo del suolo”. Lo ha dichiarato il presidente di Fedagri Giorgio Mercuri che oggi è intervenuto, in rappresentanza del coordinamento Agrinsieme, nel corso dell’audizione informale presso le Commissioni riunite Ambiente e Agricoltura sulle proposte di legge in materia di valorizzazione delle aree agricole e di contenimento del consumo del suolo. All'incontro era presente anche il vicepresidente nazionale di Confagricoltura, Ezio Veggia.
Nel corso del suo intervento il presidente Mercuri ha ricordato i dati dell’ultimo censimento ISTAT del 2011 che registrano come in Italia negli ultimi dieci anni siano  state costruite 1.576.611 nuove case mentre nello stesso periodo la popolazione è aumentata di solo il 4%. “Questo è solo un esempio – ha ribadito Mercuri – per dire che negli ultimi anni si è costruito troppo e male”.
“Un terreno edificato –ha proseguito Mercuri – viene sottratto irrimediabilmente all’agricoltura. Un territorio edificato male inoltre, non solo non è utilizzabile per produrre cibo, ma può seriamente compromettere la qualità della vita di coloro che lo abitano poiché accresce l’impermeabilità del suolo e crea disordine urbanistico”.
Mercuri ha quindi ribadito la necessità che il Legislatore affermi in modo deciso che il contenimento dell’utilizzo del suolo è realizzabile attraverso un’ampia azione di  tutela delle imprese agricole, senza limitarne lo sviluppo. Ha inoltre osservato che se è opportuno contrastare l’urbanizzazione selvaggia e l’abusivismo, allo stesso tempo è auspicabile che i terreni agricoli non vengano abbandonati: si è infatti assistito a fenomeni di dissesto idrogeologico lì dove cessavano progressivamente quelle attività agricole che venivano svolte in piena armonia con il territorio”.

Powered by:bizConsulting