PIL: CRESCE IL VALORE AGGIUNTO AGRICOLO

11 Giugno 2013 in Politiche agricole

Vanno evitati eccessivi entusiasmi, i danni del maltempo si faranno sentire

“L’agricoltura registra un incremento congiunturale e tendenziale del valore aggiunto nel primo trimestre del 2013, cresciuto dello 0,1% rispetto al primo trimestre del 2012. Si conferma la tendenza contro-ciclicica del settore primario, rispetto agli altri, che marcano contrazioni anche rilevanti del valore aggiunto (circa -3% per l’industria ed il commercio e circa -7% per le costruzioni)”. Lo sottolinea Confagricoltura commentando i dati Istat sul Pil nel primo trimestre dell’anno.
 
“Siamo davanti ad una positiva inversione di tendenza – osserva Confagricoltura -. Tuttavia si devono evitare eccessivi entusiasmi, dal momento che il livello del valore aggiunto trimestrale (circa 6,8 miliardi di euro) è inferiore a quello registrato dal 2008 al 2011”.
 
“Il nostro Centro Studi - precisa Confagricoltura - per il 2013 stima una flessione dello 0,5% del valore aggiunto di settore, anche per l’inclemente andamento climatico. C’è poi da recuperare un forte e perdurante calo della ricchezza prodotta in agricoltura che ha fatto contrarre il valore aggiunto, dal 2004 ad oggi, di oltre il 10% per oltre 3 miliardi di euro”.
 
Confagricoltura chiede “adeguate politiche per investire in un settore che contribuisce, in maniera determinante, alla crescita ed all’occupazione del Paese”.

Documenti Allegati

Pil: cresce il valore aggiunto agricolo
Formato: DOC - Dimensioni: 149,5 KB
Powered by:bizConsulting