Rapporto Inea sull'agricoltura

26 Luglio 2013 in Politiche agricole

"Il settore primario subisce i contraccolpi della crisi ma non si arrende"

“Il settore agricolo subisce i contraccolpi della crisi ma non si arrende”. È questa la fotografia dell’agricoltura che emerge, ad avviso di Confagricoltura,  dallo scenario del  “Rapporto sullo stato dell’agricoltura 2013” dell’Inea, presentato oggi a Roma presso il ministero delle Politiche agricole.
 
“Il settore è in recessione, tanto è vero che, l’anno scorso, si è registrata una caduta della produzione (-3,3%), del valore aggiunto (-4,4%) e della domanda di prodotti alimentari (-3,2%). C’è anche una considerevole riduzione del numero delle imprese (diminuite di 101 mila unità in cinque anni) ma questo – sottolinea Confagricoltura – è fisiologico perché è in atto da tempo una riorganizzazione strutturale del settore che porta ad una dismissione delle microimprese e ad un ampliamento della maglia poderale di quelle che operano sul mercato, anche aumentando le forme societarie di gestione delle aziende agricole”.
 
Ma dal Rapporto Inea emerge pure un’agricoltura che, per controbilanciare la fase recessiva, ha accresciuto le esportazioni (migliora la bilancia alimentare con il saldo negativo che dal -15% del 2007 è sceso al -9% del 2012) ed ha ripreso ad investire (dopo la marcata riduzione degli investimenti del 2008). Accresce poi dell’1% il credito per investimenti agricoli (certo è poco ma è un dato significativo a fronte  della forte compressione degli impieghi registrata nel complesso dell’economia, -3,5% in un solo anno).
 
Per questo Confagricoltura ha chiesto misure per lo sviluppo: che favoriscano la propensione all’export delle imprese agricole e gli investimenti per l’introduzione di innovazione, ampliamento, interventi per aggregazione, gestione del rischio di mercato ed ammodernamento; che  permettano di essere multifunzionali e di equilibrare i rapporti di filiera; che coniughino business e ambiente (greening)  e che facilitino l’accesso dei giovani ed il ricambio generazionale

Powered by:bizConsulting