Refresh, firmato il decreto su integrazione e modifiche particelle dei suoli eleggibili

1 Febbraio 2018 in Politiche agricole

Provvedimento molto atteso da allevatori sardi

L'assessore dell’Agricoltura, Pier Luigi Caria, ha firmato questo pomeriggio il decreto, che sarà inviato a Roma all’Agenzia nazionale per le erogazioni in agricoltura (AGEA), dove sono individuate le ulteriori superfici sulle quali sono svolte pratiche locali tradizionali di pascolamento in Sardegna. L'aggiornamento di questi dati, una volta riconosciuti da Agea, permetterà a molti allevatori di poter inserire nei propri fascicoli aziendali, superando così le anomalie che hanno determinato il blocco di numerose pratiche, le particelle che il rilevamento aerofotogrammetico aveva invece classificato come bosco e quindi non godibili di finanziamento. I dati erano stati trasmessi in Regione all'inizio della scorsa settimana da Agea per il completamento e le integrazioni di competenza assessoriale. Nelle superfici oggetto del decreto e su quelle già comunicate con i decreti degli scorsi anni (18 marzo 2015, 28 maggio 2015, 28 ottobre 2016) la copertura di erba e altre specie erbacee da foraggio non è prevalente, ma sulle stesse insistono essenze della macchia mediterranea con erbacee tradizionalmente pascolate che, unitamente all’erba e alle piante da foraggio, coprono oltre il 50% della superficie. Questi suoli potranno avere pertanto, secondo le norme vigenti in materia e le indicazioni proposte dall’Assessorato, una percentuale di ammissibilità e quindi di riconoscimento all’eleggibilità dei premi pari al 50%.

Il provvedimento licenziato oggi andrà ad impattare, oltre che sulla Domanda unica, anche sulle Misure del Benessere animale piuttosto che su quelle a superfice, come l’indennità compensativa per le zone svantaggiate e montane, o su alcune Sottomisure agro-climatiche ambientali.

Powered by:bizConsulting