Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il decreto che riconosce alla Sardegna lo stato di calamità

3 Novembre 2017 in Zootecnia

Si potranno così destinare 45 milioni al comparto ovicaprino

Il provvedimento, approvato dalla Giunta regionale lo scorso 27 settembre e firmato dal ministro delle Politiche agricole Maurizio Martina il 26 ottobre, permetterà all’assessorato dell’Agricoltura, per il tramite dell’Agenzia regionale Argea, di liberare i 45 milioni di risorse destinate al comparto ovicaprino, con un finanziamento di 13 euro a capo presente in azienda al 30 giugno 2017. 

Fino a oggi sono state presentate poco più di 3mila domande di aiuto a fronte di circa 12mila aziende ovicaprine presenti in Sardegna. I pagamenti procederanno secondo l’ordine di arrivo delle domanda.
Il riconoscimento della declaratoria per l’emergenza siccità da parte del Ministero riguarda la riduzione delle produzioni foraggere e quindi interessa, per l’accesso al Fondo di solidarietà nazionale e per gli strumenti a esso correlati, tutta la zootecnia isolana. Pertanto anche gli altri allevatori, e non solo quelli di ovicaprini potranno richiedere la riduzione fino al 50% dell’INPS e la sospensione dei pagamenti delle rate sui muti agrari, così come previsto dal decreto legislativo 102/2004.

Powered by:bizConsulting